Tutte le spiagge delle Isole Eolie

Tutte le spiagge delle Isole Eolie

Dove si trovano le Isole Eolie

Le Isole Eolie compongono l’arcipelago più famoso e ricercato non solo della Sicilia ma di tutta l’Italia. Situate a circa 20 Kilometri dalla Sicilia, ben collegate con la città di  Milazzo, l’arcipelago delle Eolie conta 7 isole maggiori di origine vulcanica ed una serie di scogli e isolotti minori. Luogo di incantevole bellezza tanto da ispirare la mitologia greca, l’arcipelago eoliano vanta insieme a scenari naturali mozzafiato interessanti reperti storici sui segreti del passato.

Prese d’assalto da migliaia di turisti durante il periodo balneare, le Isole Eolie sono ormai divenute celebri in tutto il mondo: lo spettacolo della natura che qui si può ammirare, tra il fuoco dei crateri e le acque cristalline del mare, viene sempre più spesso scelto come località di villeggiatura da star del cinema e campioni dello sport. Dal 2000, l’UNESCO ha dichiarato le Isole Eolie Patrimonio dell’Umanità.

Lipari

Lipari è l’isola più grande,vivace e famosa delle Isole Eolie. Sull’isola di Lipari si trovano a poca distanza tra loro, diverse località che meritano di essere viste: Canneto, Spiaggia Bianca, Porticello e Campobianco  sono dei bellissimi luoghi, dove il mare cristallino attira migliaia di turisti a tuffarsi nelle sue limpide acque.

Vulcano

Vulcano, l’antica Hierà (la sacra), è l’isola più vicina alla Sicilia, affascinante per i fenomeni vulcanici che la rendono meta dei turisti più avventurieri. Porto di Ponente è unito a Porto di Levante da una stretta lingua di terra, in cui il mare acquisisce un meraviglioso color smeraldo, mentre la spiaggia nera deve il suo colore alla cenere vulcanica. Da qui non è lontano raggiungere Vulcanello, un piccolo cratere formatosi intorno al 180 a.C

Stromboli

L’isola di Stromboli si contraddistingue per la maggiore attività vulcanica tra le Isole Eolie, regalando ai visitatori spettacolari eruzioni tutto l’anno. Il mare a Stromboli ha un colore scuro, quasi misterioso, ma le acque sono limpide e rinfrescanti, mentre le spiagge nere diventano bollenti durante le ore più calde. Nel versante occidentale dell’isola si trova il piccolo villaggio di Ginostra dove il tempo sembra essersi fermato!

Salina

Salina, al centro delle Isole Eolie, è la seconda per superficie e numero di abitanti. L’isola è divisa in tre diversi comuni: Santa Marina, Malfa e Leni. La denominazione Salina sembra derivasse da un piccolo lago costiero, situato nella punta meridionale dell’isola, utilizzato un tempo come salina. Pur godendo di un habitat invidiabile, sentieri naturalistici di primissimo interesse e un mare ricco di fauna ittica, qui si può godere di una certa tranquillità anche durante i periodi di massimo afflusso turistico.

Panarea

Panarea, la più piccola tra le Isole Eolie, è elegante e irrequieta, splendida di giorno ma incredibilmente viva di notte, posto preferito dalle grandi firme della moda, da calciatori e soubrette, star del cinema e della musica.

Ditella, San Pietro e Drauto, i tre centri dell’isola, sono situati sulla costa orientale di Panarea. La maggior parte delle bellissime spiagge si concentrano proprio su questo versante.

Filicudi

Filicudi, situata nella parte ovest dell’arcipelago delle Eolie, è forse meno conosciuta rispetto alle altre Isole, ma non per questo meno incantevole.

La costa di Filicudi è di prettamente alta e rocciosa, con alcune eccezioni come Pecorini Mari, che presenta una magnifica spiaggia con ciottoli. Il versante nord ovest conta numerosi posti dove poter fare un bel tuffo in acqua, ma raggiungibili soltanto in barca.

Alicudi

Alicudi è l’isola più piccola delle Eolie e anche la più periferica, posta sul versante occidentale dell’arcipelago.

Se cercate scenari naturali incontaminati, Alicudi non potrebbe che essere la scelta migliore. Non vi sono strade asfaltate, le strutture ricettive sono affidate ai pochi abitanti del luogo :è un posto idilliaco, in cui riecheggia soltanto il rumore del mare.

La Storia delle Isole Eolie

I primi insediamenti umani nelle Isole Eolie risalgono al IV millennio a.C., per opera di popolazioni siciliane spinte dalla massiccia presenza di un importante risorsa mineraria: la tagliente pietra ossidiana, bene di primaria importanza prima della lavorazione dei metalli. Frequentate e colonizzate da genti di stirpe greca, le Eolie giocarono un importante ruolo strategico sin dall’antichità per il controllo delle rotte marine che attraversavano lo stretto di Messina.

Lipari, l’isola più grande e maggiormente vivibile, venne conquistata dai Cartaginesi nel 304 a.C., che ne fecero il porto più importante dei loro possedimenti in Sicilia. Durante la lotta tra Cartagine e Roma, Lipari fu costretta ad un pesante assedio nel 258, subendo la capitolazione l’anno successivo. Rasa al suolo dai Romani perse l’importanza che aveva ricoperto in passato, iniziando così un lungo periodo di decadenza.

Divenne sede arcivescovile durante il periodo cristiano e sito di pellegrinaggio in cui si veneravano le reliquie di San Bartolomeo, che secondo tradizione sarebbero state trasportate dall’Armenia. Saccheggiata più volte dagli Arabi, che ne deportarono parte della popolazione, Lipari risorse timidamente durante il periodo normanno.

Carlo V, durante la sua discesa in Sicilia, cercò di ripopolare e riedificare Lipari. La popolazione da allora insediatesi seguì in maniera abbastanza simile le sorti della Sicilia.

© Copyright - VisitSicily s.r.l.s. - P. IVA 05339280876 - Realizzazione CoReSI